Statuto - Art. 3 - APSER
15805
page-template-default,page,page-id-15805,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Statuto – Art. 3

Art. 3 – Oggetto e Scopo

 

3.1 Principali finalità dell’APSER sono:

1. coordinare ed unificare le singole iniziative di quanti, in base ai titoli di cui all’Art. 1 comma 1.3, operano nelle varie specializzazioni del SER (ivi comprese l’applicazione delle tecniche applicabili in forme adattate nelle specializzazioni del SER), distinguendo una categoria di professionisti denominati Professionisti SER

2. tutelare le competenze, le abilità e le conoscenze e l’esercizio professionale degli Associati, con particolare riferimento a quelli che si dedicano alla libera professione in forma totale, preminente o complementare, sia essa esercitata in forma individuale, associata o societaria;

3. tutelare gli interessi di tutti gli Associati, compresa l’attività di rappresentanza degli Associati in tutte le sedi sociali, amministrative, politiche ed istituzionali a livello regionale, nazionale ed internazionale;

4. garantire la democraticità dell’ordinamento interno, l’elettività delle cariche associative e l’uguaglianza dei diritti tra Associati;

5. identificare e codificare le caratteristiche ed i profili professionali necessari e sufficienti per l’accettazione e l’inserimento nei propri elenchi degli Associati, conferendo agli stessi credibilità e tutelando la professione dell’operatore che applica il SER;

6. garantire l’esclusione di ogni forma di discriminazione personale nei confronti di chiunque eserciti o intenda esercitare l’attività professionale di operatore di SER;

7. vigilare attentamente affinché l’esercizio della professione sia consentito solamente a chi possiede competenza, abilità e conoscenza della disciplina del SER, secondo le leggi vigenti e comunque per la tutela dell’interesse dei destinatari del servizio e dell’immagine della categoria;

8. vigilare sull’osservanza da parte degli Associati della normativa vigente e di tutti i doveri di correttezza, come previsto dal Codice Etico e Deontologico adottato dall’APSER, assumendo quando necessario e doveroso iniziative censorie e disciplinari nei confronti degli Associati e mettendo in opera azioni conciliative in tutte le controversie eventualmente insorgenti fra gli Associati ovvero tra i singoli Associati e terzi;

9. rappresentare e valorizzare le competenze degli Associati ed, attraverso l’attività istituzionale, tutelare la crescita quantitativa e qualitativa dei suoi operatori e, suscitando l’interesse dell’opinione pubblica, far acquisire sempre maggior coscienza del Rilascio Somato-Emozionale SER (SomatoEmotional Release) e delle sue applicazioni;

10. indicare e promuovere le modalità di esercizio della professione dell’operatore di SER, prestando servizi agli utenti anche per una corretta divulgazione ed una completa informazione sulla disciplina del SER;

11. tutelare l’utenza attraverso un monitoraggio ed una puntuale valutazione delle capacità professionali degli Associati;

12. promuovere forme di garanzia a tutela dell’utente, indicare e promuovere le modalità di esercizio della professione ai fini della garanzia della qualità del servizio e garantire la corretta informazione al pubblico attraverso l’attivazione di uno sportello di riferimento per il cittadino/consumatore; a tale scopo l’APSER potrà affidare ad un ente terzo la gestione dello sportello del cittadino/consumatore a tutela della corretta informazione al pubblico;

13. valorizzare sotto il profilo culturale, tecnico e deontologico la professionalità dell’Associato, organizzando, stimolando e sostenendo ogni iniziativa tendente alla formazione permanente e all’aggiornamento professionale degli Associati;

14. perseguire le finalità definite dal presente articolo anche a mezzo di attività editoriali in proprio e partecipazioni ad attività editoriali, sia attraverso il settore della carta stampata, sia attraverso i mezzi informatici di comunicazione, social media e ogni altro settore della comunicazione;

15. tutelare l’autonomia di definizione dei profili professionali e dei percorsi formativi richiesti ai professionisti Associati e organizzare e tutelare gli interessi professionali della categoria;

16. incrementare lo studio, il progresso e la ricerca nel SER, aggiornando gli Associati con studi comparati sul progresso raggiunto in campo internazionale; a tale scopo l’Associazione potrà aderire ed interagire anche in forma associativa ad altre associazioni o organizzazioni a carattere nazionale ed internazionale, che perseguano le medesime finalità e attività, o che auspichino interventi pertinenti a competenze specifiche della professione e dell’Associazione;

17. curare e promuovere la formazione permanente degli Associati, i quali hanno il dovere di procedere all’aggiornamento professionale costante;

18. promuovere, sviluppare, organizzare e divulgare tra gli Associati lo scambio di esperienze e conoscenze tendenti a migliorarne la preparazione professionale e l’aggiornamento continuo e mantenerne ed elevarne le competenze e gli standard etici, organizzando e promuovendo incontri di varie modalità e livelli, seminari, convegni, corsi, stage, progetti specifici e mirati, e ogni altra forma di studio, ricerca, pratica finalizzata sia all’autopromozione, sia allo sviluppo della professione, così pure promuovendo eventi di perfezionamento e coordinamento per l’aggiornamento dei professionisti anche in collaborazione con gli Enti Locali, Regionali e Statali, pubblici e privati, sia per migliorare la qualità dei servizi forniti ai consumatori, sia agevolando la scelta e la tutela degli utenti nel rispetto delle regole sulla concorrenza;

19. appoggiare e promuovere le iniziative che rechino vantaggio all’affermazione della categoria e della professione, compresa la collaborazione con le varie associazioni di categoria sia nazionali sia internazionali, per la soluzione di problemi di comune interesse;

20. fornire a tutti gli Associati e a tutti gli aspiranti associati iscritti in apposito libro una copertura assicurativa e a tale scopo l’APSER provvede a stipulare un contratto con un ente assicurativo a favore della fruizione dagli Associati con cui poter avviare una copertura assicurativa che abbia determinate caratteristiche inerenti alla professione;

21. promuovere rapporti con Associazioni anche al di fuori della professione rappresentata, che abbiano obiettivi affini, quali il miglioramento della qualità della vita e del benessere delle persone;

22. curare i rapporti con altre Organizzazioni similari, regionali, nazionali ed internazionali, potendo la stessa Associazione affiliarsi o federarsi nei vari stati europei ed extraeuropei, o affiliare altre organizzazioni;

23. intraprendere ogni iniziativa utile per promuovere la professione, la professionalità e l’attestazione di qualità e di qualificazione professionale dei servizi prestati agli Associati, anche di livello europeo, in materia di servizi e professioni, anche promuovendo la costituzione di associazioni di secondo grado e partecipandovi, e sostenendo tutte le iniziative politiche, amministrative e giuridiche idonee a determinare il progresso della condizione professionale degli Associati; per il perseguimento di tale scopo l’Associazione potrà promuovere, nelle sedi opportune, il riconoscimento giuridico del Rilascio Somato-Emozionale SER;

24. partecipare a bandi e concorsi che possano essere utili alla salvaguardia della professione rappresentata e alla sua diffusione o che possano risultare produttive agli Associati sul piano dell’esercizio della professione;

25. l’Associazione, inoltre, mediante specifiche deliberazioni potrà anche effettuare raccolte pubbliche occasionali di fondi e svolgere tutte quelle altre attività necessarie o utili per il conseguimento dello scopo sociale.

 

3.2 L’APSER costituisce, adegua e incrementa la propria struttura organizzativa e operativa in modo da perseguire in maniera efficace ed adeguata le finalità di cui al presente statuto.

 

3.3 L’APSER adotta le adeguate procedure di valutazione degli associati ad opera delle sue strutture organizzative interne (Commissione Tecnico-Scientifica, Consiglio Direttivo, Collegio dei Probiviri);


3.4
L’APSER adotta un codice etico e deontologico ed un regolamento interno che preveda adeguate sanzioni proporzionate alla gravità delle violazioni commesse e ne cura la pubblicazione sul proprio sito internet e, eventualmente, con altri mezzi; con le stesse modalità cura altresì la pubblicazione delle principali deliberazioni relative alle elezioni degli organi dell’Associazione e alla individuazione dei titolari delle cariche sociali e dei bilanci.