Statuto - Art. 14, 15, 16 - APSER
15943
page-template-default,page,page-id-15943,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Statuto – Art. 14, 15, 16

Art. 14 – Consiglio Direttivo


14.1
Il Consiglio Direttivo è l’organo esecutivo dell’Associazione.


14.2
Possono far parte del Consiglio Direttivo soltanto gli Associati Fondatori e Ordinari.


14.3
Il Consiglio Direttivo è formato, oltre che dal Presidente e dal Vice Presidente, da un numero di componenti variabile secondo la consistenza numerica degli iscritti all’APSER, e comunque da un minimo di 3 (tre) a un massimo di 7 (sette) consiglieri.


14.4
I membri del Consiglio Direttivo, che sono rieleggibili nei limiti di quanto stabilito nel presente Statuto, durano in carica quattro anni; la decorrenza della nomina si computa dalla data dell’insediamento.


14.5
Fino all’insediamento del nuovo Consiglio Direttivo, che sarà effettuato entro trenta giorni dalle elezioni, rimane in carica, con pienezza di poteri, il Consiglio Direttivo uscente.


14.6
Salvi i diversi casi previsti dal presente statuto, i consiglieri componenti il Consiglio Direttivo sono eletti dall’Assemblea degli associati contemporaneamente all’elezione del Presidente dell’APSER.


14.7
L’Assemblea Straordinaria degli Associati, ove sia convocata, anche in via esclusiva, per l’elezione del Consiglio Direttivo, è validamente costituita col rispetto delle disposizioni del presente Statuto.


14.8
I risultati dell’elezione sono poi pubblicati sul sito internet dell’APSER ovvero inviati entro 30 (trenta) giorni agli Associati con apposito mailing.


14.9
Il Consiglio resterà in carica finché il numero dei suoi membri non scenda al di sotto del numero minimo fissato dallo Statuto.


14.10
In caso di decadenza o dimissioni, per qualunque motivo, di un Consigliere, il Consiglio Direttivo provvede alla cooptazione del Socio risultato il primo dei non eletti per numero dei voti (e così in progressione in caso di mancata accettazione). Il socio così cooptato rimane in carica per il restante periodo fino al completamento del mandato del suo predecessore.


14.11
Le dimissioni o la decadenza di almeno due terzi dei consiglieri comportano la decadenza dell’intero Consiglio Direttivo, ad esclusione del Presidente dell’Associazione.


14.12
I Consiglieri decadono se non partecipano, senza giustificato motivo, a 3 (tre) sedute consecutive, dopo un richiamo, inviato in forma scritta, dal Presidente in seguito alla mancata partecipazione alla seconda delle 3 (tre) sedute consecutive.


14.13
Al di sotto del numero minimo del Consiglio Direttivo, può venire indetta a cura del Presidente o del Vice Presidente dell’Associazione, un’Assemblea Straordinaria dei Soci per l’elezione di un nuovo Consiglio Direttivo.


14.14
Entro novanta giorni dallo scioglimento del Consiglio, il Presidente convoca l’Assemblea Straordinaria degli Associati per nuove elezioni dei componenti del Consiglio Direttivo; i componenti del Consiglio Direttivo sono nominati dal Presidente all’atto delle nuove elezioni indette ai sensi del presente articolo.


Art. 15 – Attribuzioni del Consiglio Direttivo

 

15.1 Il Consiglio Direttivo:

1. dà parere, quando ne è richiesto, sui progetti di legge e regolamento che interessano la professione;

2. vigila sul regolare funzionamento delle sedi territoriali;

3. designa i rappresentanti dell’associazione presso commissioni ed organizzazioni di carattere nazionale ed internazionale;

4. determina la misura del contributo per la quota associativa da corrispondersi annualmente dagli associati;

5. formula il regolamento per la trattazione dei ricorsi e delle attività di sua competenza e del Regolamento Interno e del il Codice Etico e Deontologico professionale;

6. in caso di scioglimento dell’associazione nomina un liquidatore;

7. nomina il presidente del Collegio Sindacale o, se previsto dalla normativa, del revisore contabile;

8. riceve periodicamente il resoconto dell’attività compiuta dal Presidente, dalla Commissione Tecnico-Scientifica, dal Collegio Sindacale;

9. ratifica gli atti compiuti dal Presidente in circostanze che richiedano tempestivo intervento senza che sia possibile convocare in tempo utile l’Assemblea Straordinaria;

10. Compiti e funzionamento del Consiglio Direttivo sono ulteriormente espressi nel Regolamento Interno.


Art. 16 – Riunioni del Consiglio Direttivo

 

16.1 Il Presidente convoca il Consiglio Direttivo ogni qualvolta lo ritiene opportuno e, comunque, almeno due volte l’anno.


16.2
Deve inoltre convocarlo valutata la richiesta scritta e circostanziata di almeno la metà più uno dei componenti.


16.3
La convocazione ha forma libera.


16.4
Le riunioni del Consiglio Direttivo possono avvenire in due convocazioni, fissate eventualmente per lo stesso giorno ma a distanza di almeno un’ora l’una dall’altra.


16.5
In caso di doppia convocazione: per la validità della riunione in prima convocazione, è necessaria la presenza della maggioranza assoluta dei componenti, e per l’approvazione delle deliberazioni la maggioranza assoluta dei votanti; per la validità della riunione in seconda convocazione, è sufficiente la presenza di almeno un terzo dei componenti, e per l’approvazione delle deliberazioni la maggioranza assoluta dei votanti.


16.6
In caso di parità nella votazione, il voto del Presidente vale doppio.


16.7
Ove per qualsiasi ragione risultasse impossibile procedere a dichiarare valide le riunioni per mancanza delle necessarie maggioranze, e ove il Presidente riscontri la necessità e l’urgenza di deliberare su uno o più punti dell’ordine del giorno, le deliberazioni possono essere validamente adottate a maggioranza assoluta dei presenti ma debbono essere ratificate dal Consiglio Direttivo, riunito con le normali maggioranze, entro 9 mesi dalla data della deliberazione, anche nel caso in cui il Consiglio Direttivo che vota la ratifica sia insediato a seguito di nuove elezioni o abbia una diversa composizione.


16.8
In caso di assenza del Presidente e del Vice Presidente, ne fa le veci il consigliere più anziano per iscrizione nell’Elenco e, in caso di pari anzianità, il maggiore per età.


16.9
Il Segretario redige il verbale sotto la direzione del Presidente. Il verbale è sottoscritto dal Presidente e dal Segretario.


16.10
Le decisioni del Consiglio Direttivo sono notificate via mail, entro trenta giorni agli interessati.