scopi dell'associazione - APSER
15897
page-template-default,page,page-id-15897,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

scopi dell’associazione


TITOLO II

scopi dell’associazione

1. L’ASSOCIAZIONE offre a chiunque sia interessato, tutte le condizioni di apprendimento non formale per assumere i compiti, le competenze, le abilità e le conoscenze, atte a realizzare l’esercizio della professione di Professionista di Rilascio Somato-Emozionale SER (per brevità “Professionista SER”).

2. L’interesse della persona verrà sempre messo al di sopra di qualsiasi restrizione derivante da devozioni a discipline professionali. E’ nostra convinzione che, nel momento in cui tutti i Professionisti SER, che si adoperano per il benessere delle persone, quale che sia la loro specializzazione, condividono il loro sapere e sarà in ultima analisi il fruitore di questa tecnica a beneficiarne.

3. L’ASSOCIAZIONE proporrà con vigore e, in alcune occasioni produrrà in prima persona, programmi informativi rivolti al pubblico, per offrire idee, nozioni e tecniche per l’integrazione fra corpo, mente e spirito, oltre a tecniche di facilitazione degli altrui processi di attivazione del sistema auto-correttivo dell’organismo. Faremo sempre in modo da avere la certezza che le nozioni e le tecniche da noi proposte ed applicate siano sempre esenti da rischi e che promuovano un riconoscimento delle capacità di auto-correzione naturale di cui siamo innatamente dotati.

4. Il Rilascio Somato-Emozionale SER ha come obbiettivo il benessere, non è una professione sanitaria, ed i professionisti che lo applicano non svolgono attività riservata alle professioni sanitarie ed ordinistiche.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OSM) ha chiaramente formulato a proposito del concetto di “salute”: -“stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia”-. Il Rilascio Somato-Emozionale SER quale disciplina del Benessere, dotata di originali caratteriste e peculiarità applicative, si propone di partecipare, sostenendo i naturali innati meccanismi sistemici, all’implementazione e supporto di tale condizione di benessere naturale.

5. Il SER è dunque una risorsa complementare, aggiuntiva, priva di effetti collaterali e/o interferenze con qualunque altro tipo di intervento, in linea con la sua storia e la sua tradizione.

6. Qualora si pongano le condizioni di accettazione di una richiesta di collaborazione in un ambito sanitario, il Professionista SER si mette a disposizione delle indicazioni della dirigenza sanitaria e del personale scelto e preposto al progetto, sotto la diretta responsabilità del medesimo.

7. L’ASSOCIAZIONE si dedica allo studio e alla ricerca di nozioni e tecniche utili che vengono offerte agli utenti, i quali si rivelano, ancora una volta, i nostri migliori insegnanti. Saremo sempre aperti alla valutazione e all’adozione di nuovi metodi, purché rispettino il criterio di assenza di rischi, qualità che caratterizza tutti i nostri metodi e le nostre modalità.

8. L’ASSOCIAZIONE considera ciascuna persona e ciascun fruitore di questa tecnica come un essere unico e irripetibile, rispetto a se stesso e nel tempo. Questo principio etico è prassi di lavoro per il Professionista SER. In questo modo la porta rimane sempre aperta a nuove informazioni e il Professionista SER non avrà ipotecato alcuna possibile valutazione. Tutto ciò implica un lavoro possibile del Professionista SER sull’attività del proprio ego.

9. Al fine di sostenere il Benessere della persona, il lavoro del Professionista SER vuole stabilire una comunicazione libera e fiduciosa tra: la coscienza innata presente in ognuno di noi, le strutture sistemiche e fisiologiche adeguate, la consapevolezza, senza perciò che il sistema debba ricorrere all’esternazione di sintomi o patologie per poter essere ascoltato.

10. I Professionisti SER dell’ASSOCIAZIONE adotteranno le modalità che riterranno più opportune ai fini della facilitazione dei processi sistemici umani di auto-correzione fisiologica dell’organismo, purché siano non-invasivi e privi di qualunque rischio. Inoltre, il fruitore ricettivo verrà informato, al momento giusto e con termini semplici e diretti, di quanto sta accadendo. Desideriamo che i nostri utenti vengano a conoscenza dell’origine del processo in atto e di quanto si sta facendo per facilitarne la soluzione. Desideriamo, inoltre, che i nostri fruitori si rendano conto che la loro aspirazione al benessere rappresenta un obiettivo comune al quale devono contribuire in maniera significativa, da protagonisti.