Regolamento interno - Art. 5, 6 e 7 - APSER
15909
page-template-default,page,page-id-15909,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Regolamento interno – Art. 5, 6 e 7


Art. 5 – Definizione del Professionista SER

 

5.A Ogni professionista si dispone, di norma, all’acquisizione informativa della esistenza di ogni tecnica di aggiornamento proposta dall’ente di formazione continua, al fine di mantenere un linguaggio comunicativo ed una conoscenza di base che permetta uno scambio sempre attuale con i colleghi, nella valorizzazione del dialogo intra ed inter-disciplinare; e con la propria utenza per dare e mantenere un’informazione chiara e globale su ogni aspetto inerente l’evoluzione e l’ampiezza di azione della propria disciplina, che rivolgendosi al sistema Essere Umano, è in costante evoluzione ed attenzione al Nuovo in merito.

 

5.B Per ulteriore definizione dell’Attività Professionale del Professionista SER, a complemento di quanto espresso dallo statuto:

1. il Professionista SER, apprende, sviluppa e applica il Rilascio Somato-Emozionale SER, che rappresenta una metodica manuale non invasiva;

2. il Professionista SER si esprime, nell’applicazione manuale della tecnica, attraverso una palpazione non invasiva, specifica (5 grammi di tocco), sulla persona;

3. il Professionista SER utilizza questa tecnica in risposta a moltissimi problemi dovuti all’alterazione del sistema auto-correttivo fisiologico della persona;

4. in questo senso il Professionista di SER si propone utilizzando una metodica unica, utile ad ogni individuo – diverso per età, condizione fisica ed emotiva ed individualmente nel tempo – in base alla valutazione iniziale di pertinenza dell’applicazione stessa.

 

5.C Il Professionista SER deve corrispondere ai requisiti previsti dalla Legge vigente ed ai requisiti di conoscenza, competenza e abilità stabiliti dall’APSER, come espresso dallo statuto.

 

5.D Il Professionista SER ha il compito di:

1. accogliere e comprendere le richieste di intervento da parte del soggetto committente;

2. comunicare le caratteristiche originali e precipue della disciplina e le modalità di intervento, relative al raggiungimento dell’obiettivo noto di “benessere” ed implemento della percezione della qualità della vita;

3. valutare la modalità applicativa più utile alle esigenze del committente, nel qui ed ora di ogni singolo intervento;

4. realizzare e portare a compimento l’intervento, secondo la progettualità di base stabilita;

5. valutare esito intervento e progettare adeguati follow-up;

6. lavorare in modalità intensiva e/o di gruppo, ove utile ai bisogni del soggetto committente; in contesti e/o équipe multi- ed inter-disciplinari, presso qualunque struttura, pubblica o privata secondo i vincoli del proprio disciplinare deontologico e di legge.

 

5.E Tali compiti si esplicano in competenze, abilità e conoscenze specifiche e originali, acquisite ed implementate dal processo di apprendimento NON FORMALE così come definito ed erogato didatticamente dall’Associazione.

 

5.F Il Professionista SER, nell’esercizio della sua professione, può espletare la sua attività in forma individuale,o associativa o societaria.


Art. 6 – Incompatibilità professionale

 

6.A Le disposizioni contenute nello Statuto, nel Codice Etico e Deontologico e nel Regolamento Interno dell’APSER, individuano i doveri comportamentali e professionali che il Professionista SER deve rispettare nell’esercizio della propria attività  professionale e nella propria condotta generale, in modo da conseguire e conservare a sé e all’intera categoria professionale l’onorabilità , il decoro, la stima e la considerazione del pubblico e dei colleghi, nonché degli esercenti altre professioni con cui il Professionista SER, o chi si avvale della sua professionalità, entri in contatto.

 

6.B Risulta incompatibile alla professione esercitata, ogni comportamento o collaborazione che costituisca o comunque si risolva, anche indirettamente, in una violazione della lettera di alcuna delle disposizioni contenute nello Statuto, nel Codice Etico e Deontologico e nel Regolamento Interno dell’APSER, o che comunque contravvenga allo spirito e alla finalità  di essi, soprattutto a riguardo della massima diligenza e accuratezza professionale che i professionisti devono avere ad esclusiva tutela dell’interesse del pubblico che ad essi si rivolge.

 

6.C Risulta altresì incompatibile alla politica, allo spirito e alle finalità della professione, ogni rapporto professionale che non sia improntato alla massima e incondizionata correttezza e lealtà, che non si conformi a principi di veridicità, o che risulti essere inadeguato al decoro professionale, verso i colleghi, il pubblico o altri soggetti terzi.

 

6.D Il Professionista SER deve agire in modo da evitare accuratamente, nell’esercizio della sua professione, qualunque conflitto di interesse che possa pregiudicare la sua indipendenza e la sua libertà  di azione e di giudizio nei confronti di chi si avvale della sua professionalità , dei colleghi, degli esercenti altre professioni, delle autorità  e di terzi in genere.


Art. 7 – Segreto Professionale

 

7.A Il Professionista SER deve mantenere la più rigorosa riservatezza sull’identità delle persone che si avvalgono della sua professionalità, sulle loro condizioni fisiche ed emotive, sull’attività professionale di cui esse si avvalgono e su ogni altro dettaglio inerente i rapporti con le persone stesse.

 

7.B È fatto espresso divieto al Professionista SER, nell’esercizio della facoltà di informazione, di divulgare a terze persone l’identità di soggetti che si sono avvalsi della sua attività professionale, salvo espresso consenso scritto degli interessati.

 

7.C Sono fatti salvi gli eventuali obblighi di comunicazione derivanti dalla legge penale, ed è comunque consentita per il Professionista di SER l’attività di divulgazione di fatti e dettagli della propria attività, modalità di essa e risultati ottenuti, nel rispetto del principio di veridicità, anche a scopo scientifico e didattico, omettendo con ogni cura la diffusione di qualsiasi riferimento che possa, anche in modo indiretto o deduttivo, permettere di risalire ai soggetti che di essa si sono avvalsi.